FATTORE K. - Progetto RIC.CI.

LA GAIA SCIENZA – LA RIVOLTA DEGLI OGGETTI

FESTIVAL DI DANZA CONTEMPORANEA

ph_Luca Concas
  • 12 Ottobre 2021 - ore 20.30 Teatro Comunale -

PREZZI BIGLIETTI

 

INGRESSO

Posto Unico

Platea/Palco centrale

€ 15,00

Palco laterale/Galleria

€ 12,00

OPZIONE D’ACQUISTO
Da giovedì 9 settembre a venerdì 17 settembre, i possessori di abbonamento alla stagione di Danza 19/20 possono acquistare i biglietti del Festival di Danza Contemporanea 2021 con una particolare riduzione a loro dedicata. L’acquisto può essere effettuato direttamente in Biglietteria oppure tramite prenotazione telefonica o via e-mail. Non è possibile l’acquisto on line.

VENDITA BIGLIETTI
Da sabato 18 settembre vendita singoli biglietti. L’acquisto può essere effettuato direttamente in Biglietteria oppure tramite prenotazione telefonica o via e-mail e on line sul sito del Teatro e su www.vivaticket.it

di

Vladimir Majakovskij

testi e regia

Giorgio Barberio Corsetti, Marco Solari, Alessandra Vanzi

interventi scenografici

Gianni Dessì

danza

Dario Caccuri, Lorenzo Garufo, Zoe Zolferino

assistente di produzione

Ottavia Nigris Cosattini

tecnico

Tiziano Di Russo

sarta

Gloria Margarita Humàn Rojas

produzione FATTORE K 2019 in coproduzione con Teatro di Roma – Teatro Nazionale, Romaeuropa Festival, Emilia Romagna Teatro Fondazione

Si ringraziano Tiziano Terzoni e Antonio Iodice

riallestimento nell’ambito del Progetto RIC.CI – Reconstruction Italian Contemporary Choreography Anni ‘80-’90 ideazione e direzione artistica Marinella Guatterini

durata 60 minuti, senza intervallo

A quarantatré anni di distanza, i tre artisti della Gaia Scienza, Giorgio Barberio Corsetti, Marco Solari, Alessandra Vanzi, si riuniscono per riallestire La rivolta degli oggetti per riportare alla luce uno spettacolo destinato a diventare un riferimento per la controcultura romana degli anni Settanta. La loro prima opera del 1976 passa il testimone a tre giovani performer, dando vita a un incontro fra epoche, corpi ed esperienze differenti.

Il “come eravamo”, tema fondante del Progetto RIC.CI – ovvero, la ricostruzione delle coreografie contemporanee di fine Novecento –, ha stavolta per spettacolo di recupero La rivolta degli oggetti della Gaia Scienza. Giorgio Barberio Corsetti, Marco Solari e Alessandra Vanzi, che furono gli animatori di questo gruppo cult negli anni Settanta, tornano così a rimontare la loro prima opera del 1976 per tre giovani performer. Ispirato alla prima tragedia in versi “Vladimir Majakovskij”, La rivolta degli oggetti abita uno spazio surreale – realizzato in collaborazione con il pittore e scultore Gianni Dessì – fatto di violini senza corde, cappotti, una pistola e una stella rossa. Mappa poetica di simboli e allusioni per raccontare l’utopia e il dolore nella trasformazione del mondo e l’agognato fantasma della libertà.

 

Vendita biglietti da sabato 18 settembre, in biglietteria e on line

 

Sostieni il Teatro