FATTORE K.

LA GAIA SCIENZA – LA RIVOLTA DEGLI OGGETTI

di Vladimir Majakovskij con testi di Giorgio Barberio Corsetti Marco Solari Alessandra Vanzi

  • 12 Ottobre 2021 - ore 20.30 Teatro Comunale -

PREZZI BIGLIETTI

 

INGRESSO

Posto Unico

Platea/Palco centrale

€ 15,00

Palco laterale/Galleria

€ 12,00

OPZIONE D’ACQUISTO
Da giovedì 9 settembre a venerdì 17 settembre, i possessori di abbonamento alla stagione di Danza 19/20 possono acquistare i biglietti del Festival di Danza Contemporanea 2021 con una particolare riduzione a loro dedicata. L’acquisto può essere effettuato direttamente in Biglietteria oppure tramite prenotazione telefonica o via e-mail. Non è possibile l’acquisto on line.

VENDITA BIGLIETTI
Da sabato 18 settembre vendita singoli biglietti. L’acquisto può essere effettuato direttamente in Biglietteria oppure tramite prenotazione telefonica o via e-mail e on line sul sito del Teatro e su www.vivaticket.it

regia

Giorgio Barberio Corsetti, Marco Solari, Alessandra Vanzi

interventi scenografici

Gianni Dessì

danza

Dario Caccurit Lorenzo Garufo, Zoe Zolferino

tecnico

Tiziano Di Russo

sarta

Gloria Margarita Humàn Rojas

assistente di produzione

Ottavia Nigris Cosattini

produzione Fattore K. 2019, Teatro di Roma – Teatro Nazionalet Romaeuropa Festval e Emilia Romagna Teatro Fondazione

Si ringraziano Tiziano Terzoni e Antonio Iodice

durata 60 minuti, senza intervallo

Nel 1976 si rivelava al pubblico una compagnia di giovani artisti LA GAIA SCIENZA con uno spettacolo dirompente che affascinò subito spettatori e critica: La Rivolta degli Oggetti
Il rapporto tra poesia e rivoluzione tra rivoluzione sociale ed estetica tra avanguardie storiche ed arte contemporanea si distillavano in un’ora di pura poesia. Lo spettacolo trovava l’essenza di gestualità e parola di slancio ed energia in una sintesi tra teatro danza ed arte visiva di grande impatto emotivo e leggerezza i Il modo stesso di creare lo spettacolo che partiva da un’idea di forte individualità e di totale collaborazione senza la divisione di ruoli era parte della sua struttura Così lo spettacolo non era solo un racconto sulla libertà e sull’utopia della trasformazione del mondo ma anche il frutto di un processo artistico libero ed in costante trasformazione.
In questa nuova messa in scena i tre protagonisti del tempo lasciano spazio alle nuove generazioni, scegliendo tre attori giovani ed eclettici come factotum e riproponendo una poetica somigliante ma contemporanea, rimanendo registi dello spettacolo.

 

Vendita biglietti da sabato 18 settembre, in biglietteria e on line

 

Sostieni il Teatro